James Bidgood

27 giugno 2005, "Babilonia", 178, giugno 1999

"Anonimo": così era riportato su tutte le filmografie di Pink Narcissus, i cui scarni credits vantavano solo il nome del montatore, Martin Jay Sadoff, e la produzione, l'indipendente Sherpix. Per quanto riguardava invece il regista, da sempre circolava il nome di Jim Bidgood, ma nessuno sapeva esattamente il perché e pochissimi comunque conoscevano chi fosse questa persona. Altri, poi, affermavano con ostentata sicurezza che dietro il film vi fosse nientepopodimeno che la vestale del cinema gay d'avanguardia, Kenneth Anger; ma gli stessi non erano certo in grado di spiegare perché Anger si fosse trincerato dietro l'anonimato, laddove aveva invece firmato senza colpo ferire gli audacissimi Fireworks e Scorpio Rising.

Il mistero è stato ora risolto. I più attenti già avevano colto qualche avvisaglia ne Il nudo maschile, il libro della Taschen uscito qualche mese fa, dove compaiono sei foto di Bidgood, alcune delle quali evidentemente riferentesi al film. Ora un libro, in vendita a partire da luglio - James Bidgood, L. 75.000, edito sempre da Taschen e distribuito dalla Logos - rivela chi sia Bidgood, ne ricostruisce la biografia e, soprattutto, chiarisce il perché non abbia mai rivendicato la paternità del suo film. Curato da Bruce Benderson, il libro offre circa 250 illustrazioni, comprese molte foto di scena del leggendario film.

Stravagante e dal look appariscente, Bidgood arrivò diciottenne nel 1951 a New York con la speranza di dar corpo alle sue fantasie, nutrite dai film hollywoodiani in technicolor, e di diventare una stella del musical. In breve, riuscì ad inserirsi nella off Broadway, recitando en travesti nel famoso Club 82. In più si fece conoscere come designer dei costumi per il ballo del Mardi Gras e, soprattutto, come fotografo di nudi maschili nei più celebrati muscle magazine (come Demi-Gods, The Young Physique, Muscle Teens e Muscleboy), riviste che proprio in quegli anni vivevano il loro momento d'oro.

Nel 1964 riuscì a trovare un produttore per il film che da tempo sognava; il budget veramente irrisorio strideva però fortemente con le sue idee altisonanti, visto che l'opera voleva essere la summa monumentale della propria poetica. Per ben sette anni, Bidgood trasformò il suo minuscolo e costipato appartamento a Manhattan nel suo lussureggiante mondo onirico: lui ed il suo modello, Bobby Kendall (che rimane incredibilmente identico per tutti gli anni delle riprese...) vissero di fatto accampati nelle scenografie di turno, destinate poi a essere rimpiazzate da altre nuove. Tra di esse, addirittura un gabinetto con degli orinatoi in polistirolo a grandezza naturale o una vasca riempita di centinaia di litri di latte. Bidgood non si limitò però alla regia; con abilità ed inventiva, cucendo e ritagliando, creò tutto quello che servì sul set: costumi di chiffon, un letto con i cigni dorati a mo' di spalliera, le farfalle di seta che compaiono in continuazione, mutande trasparenti e altro ancora.

Nel 1971 i produttori persero però la pazienza e decisero di dare comunque alla luce il materiale girato, senza il consenso del regista. Esso fu montato da Martin Jay Sadoff e vi fu aggiunta della musica; per Bidgood, che un giorno non trovò più in studio i rulli girati, il colpo fu tremendo: il più grande giocattolo della sua vita era stato distrutto. Perciò tolse il suo nome dai titoli e non ne volle sapere più niente, anche perché, così com'era, il film era solo una pallida idea di ciò che aveva in mente.

Per anni Bidgood ha vissuto rintanato, lontano dai clamori, nel suo appartamento di Manhattan. Solo ultimamente ha deciso di uscire nuovamente alla ribalta. Anzi, lo sta facendo alla grande poiché sta realizzando il progetto di un film sulla sua vita: FAG. Chi ha visto il materiale già girato, sostiene che, divertente e toccante nello stesso tempo, sia ancora più bello di Pink Narcissus (e si spera con tempi più brevi...).

Quest'ultimo, gonfiato a 35 mm (era stato girato in parte a 8mm, in parte a 16mm), si offre oggi a noi in qualità scadente, un po' scolorita, sia per la mancata rifinitura di Bidgood sia le soluzioni sperimentali da lui utilizzate (basti pensare che in certi casi lo stesso pezzo di pellicola è stato impressionato fino ad otto volte per ottenere degli effetti, veramente sorprendenti, di sovrapposizione). Alla regola non sfugge, naturalmente, neanche la videocassetta, pur rimasterizzata, edita all'inizio degli anni Novanta (in Italia distribuita dalla General Video).

Ottima ragione, dunque, per apprezzare le foto del libro, sia quelle di scena, in cui si può ammirare la sfolgorante bellezza di Bobby Kendall (uno pseudonimo, in onore dell'attrice Kay Kendall), sia quelle tratte dalle riviste. Foto che ribadiscono la particolare estetica - underground ma anche un po' postmoderna - di Bidgood, fatta di scenari irreali, urbani o perfino subacquei, che non fanno niente per nascondere la loro artificialità e che si esaltano in un delirio di colori psichedelici e metallici. Una fantasia scintillante ed ammaliante, volutamente camp e fortemente sensuale, che glorifica come poche altre volte il corpo maschile.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Tony PatriolifotografoGiovanni Dall'Orto1941
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
titolointerpreteanno
Boy From..., The Lavin, Linda1966
Gaio Rettore1980
Gay Boyfriend Hazzards, The2002
We Are What We Are Les Cagelles1983
autoretitologenereanno
AA.VV.Happy boysdrammatico2004
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Storie puttaneschecomico1977
Giancarlo GiovineGiovine's sketcheserotico2011
Mark Millar, John RomitaKick-Ass (omnibus)comico2012
Wally RainbowWally Rainbow's ebay artworks 12008
Matt Wagner, Steven Seagle, Guy DavisSandman Mystery Theatre: il fantasma della fierapoliziesco/criminale2003
Akimi YoshidaBanana fish 01manga2002
Akimi YoshidaBanana fish 02manga2002
Akimi YoshidaBanana fish 03manga2003
Akimi YoshidaBanana fish 04manga2003
Tutti i risultati (23 fumetti) »
titoloautoredata
Francesco Paolo Catalano
Un fotografo delle identità come cultura gender e queer
Alessandro Rizzo07/07/2010
Gay clubbing memorabilia puntata 3. Un Grand Tour disco. Intervista a Jussi Kantonen.Luca Locati Luciani06/09/2015
Intervista a James BidgoodVincenzo Patanè29/06/2005
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
autoretitologenereanno
AA. VV.Mapa callejeromiscellanea2010
AA.VV.Complete Reprint of Physique Pictorial: 1951-1990, Thefotografia1997
AA.VV.Da Sodoma a Hollywoodmiscellanea1995
AA.VV.Deep blue deluxefotografia2004
AA.VV.Gay rootsmiscellanea1991
AA.VV.Homosexual men in action 1890-1930fotografia2002
AA.VV.L'art du nu au XIXe sieclecatalogo1997
AA.VV.Petite cochonneriefotografia1991
AA.VV.Pop Campsaggio2008
AA.VV.Secolo gay, Ilmiscellanea2006
Tutti i risultati (166 libri) »
titoloautoredata
Anima e corpo: Elli Souyioultzoglou-Seraìdari (1899-1998)Giovanbattista Brambilla08/08/2005
Champion studioGiovanbattista Brambilla17/07/2005
I ragazzi di Tony PatrioliGiovanni Dall'Orto19/10/2010
Per un catalogo delle foto di Wilhelm von Gloeden
(ovvero: tutto quel che ho imparato fin qui sulla loro catalogazione)
Giovanni Dall'Orto22/01/2012
titoloanno
Pose2018
titoloartistaanno
AlejandroLady Gaga2010
Arisa - World Tour 2011 - Eilat PrideEliad Cohen, Uriel Yekutiel2011
Being boringNeil Tennant, Chris Lowe1990
I feel love & Johnny remember meMarc Almond, Jimmy Somerville, Larry Steinbachek, Steve Bronski1985
Take a chance on meErasure1992

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 10

    Il papa terribile (fumetto , 2014)

    di