Kevin Hill

6 agosto 2005

Come ogni serie tv legale che si rispetti degli ultimi anni, anche Kevin Hill si è presto occupata di omosessualità.

Nella quinta puntata (intitolata come il film biografico dedicato a James Whale, "Gods and Monsters") l'eroe della serie, il brillante e ricco avvocato di successo Kevin, deve occuparsi del caso di un famoso giocatore di hockey licenziato per i suoi comportamenti un tantino violenti in campo e fuori. Durante il processo, proprio quando stanno vincendo, il giocatore decide di ritirare la denuncia nei confronti della proprietaria della squadra, una donna senza scrupoli. Kevin scopre così che il giocatore è ricattato dalla donna, che è a conoscenza della sua omosessualità. L'uomo teme che se si venisse a sapere che è gay finirebbero sia la sua carriera, essendo l'hockey sport macho per eccellenza, sia il suo matrimonio. Tuttavia dopo un breve discorso di Kevin si lascia convincere a fare coming out in aula e ad affrontare le conseguenze della sua scelta, portando a termine la causa.

Gli intenti, come si evince dalla semplice trama, sono più che onesti, ma purtroppo la sceneggiatura non è all'altezza delle ambizioni e si rivela incapace di approfondire a sufficienza la psicologia dei personaggi, lasciando scelte e conseguenze a uno stato di risibile abbozzo che le rende decisamente poco credibili. È il caso del lieto fine: al coming out del giocatore (cui si arriva improvvisamente dopo che la sua decisione appariva irrevocabile) tutti reagiscono benissimo e diventa improvvisamente un eroe per tutti, moglie e figlio compresi.


La sceneggiatura non brilla nemmeno nel breve confronto tra Kevin e George, il ragazzo gay che ha assunto per accudire il bebè da crescere con cui si ritrova improvvisamente dopo la morte di un amico e che proprio in questa puntata si trasferisce temporaneamente a casa sua. Confronto che dovrebbe aiutare Kevin a comprendere meglio il caso (e i gay) e a risolverlo nel migliore dei modi.


George rimane un personaggio fisso (benché minore) in tutta la serie, e rappresenta spesso la voce della ragione che aiuta Kevin a prendere le sue decisioni (nel decimo episodio, "The Unexpected", è coinvolto anche in una aggressione). La serie non ha avuto però il successo sperato ed è stata chiusa al termine della prima stagione.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AnonimoGol! Il centravantierotico1982
Kazuma KodakaKizuna 8shōnen'ai2004
Ellie MamaharaGokuraku cafèshōnen'ai2004
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 1)shōnen'ai2002
titoloautoredata
Gruppo di famiglia in un esterno
AUT incontra Stefano Bolognini in occasione dell’uscita del suo libro Una famiglia normale (Edizioni Sonda, € 11)
Daniele Cenci05/11/2008
GSI: lo sport come impegno lgbtAlessandro Rizzo09/12/2009
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
Una produzione dal basso: “Il lupo coi calzoncini corti”Alessandro Rizzo12/07/2009
autoretitologenereanno
AA.VV.Building Bodiessaggio1997
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
Nicolas BendiniFuoriclasse, Iromanzo2012
Nicolas BendiniSolo per una notteromanzo2009
Franca Bimbi, Rossana TrifilettiMadri sole e nuove famigliesaggio2006
Francesca Cavallaro, Manuela SalviNei panni di Zaffracconti2005
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Ballo delle checche, Ilromanzo1996
Daniela DannaMatrimonio omosessualesaggio1997
Harvey FiersteinCage aux folles, Lalibretto1987
Alessandro GolinelliMio pride, Ilsaggio2005
Tutti i risultati (22 libri) »
titoloautoredata
Vecchie glorieGiovanbattista Brambilla06/07/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di