Paradiso amaro

1 novembre 2006, AUT, n. 83, agosto-settembre 2006

Un lascito testamentario (due lettere, una pistola arrugginita) fa irrompere in un vecchio la marea dei ricordi.

Su, su, risalendo verso un passato ormai mitizzato, si affollano le immagini sgranate di una antica passione, quando in un campo di prigionia per militari alleati Tom era rimasto stregato dall'intima, tonificante, virile amicizia del giovane Danny, entrambi accomunati da una violenza che ne aveva ferito l'infanzia.

Ci si materializza davanti un mondo sfigurato, un eden amaro da cui sembra bandita ogni umanità, una terra d'esilio dove stracci, pidocchi e pacchi della Croce Rossa, sbobba e fango s'impastano al sangue, al sudore, allo sperma, alle paure, all'abulia dei soldati, alla crudele idiozia degli aguzzini.

In questo universo carcerario s'improvvisano commerci, vanno in scena surreali spettacoli per esorcizzare la micidiale noia della truppa: in un'attesa di libertà sempre delusa. Tra le desolate baracche (così simili ai dormitori di "Bent" o di "Furyo"), dopo aver dissimulato a lungo i suoi sentimenti, Tom verrà travolto dalla limpida acqua del desiderio, finendo per aggrapparsi come un naufrago in un mare insidioso al conturbante caporale-pugile Danny, "al sottilissimo filo della bava di vento" che è la loro vita. Fino a giurare che nulla e nessuno potrà mai derubarli del sogno intravisto della loro liberazione: dalla prigionia, dalla paura dell'amore.

Una scrittura palpitante di umori che, dopo aver rinviato sino allo spasimo l'agognato amplesso, si chiude su una siderale nostalgia: la porta segreta della loro comunione sessuale, timidamente socchiusa prima del distacco, non potrà mai più esser spalancata perchè il tempo delle scelte è ormai scaduto.

Afrika (1920-2002), autore di questo straziante romanzo-memoriale destinato a rimanere per sempre impresso nel cuore dei lettori, se n'è andato a pochi mesi di distanza dalla pubblicazione di "Bitter Eden".

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Paradiso amaro

titoloautorevotodata
I've seen the nights filled with bloodsport and pain, and the bodies obtained...Mauro Fratta
21/03/2013

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Lorenzo BenadusiNemico dell'uomo nuovo, Ilsaggio2005
Silvio BertoldiUltimo re, L'. L'ultima reginabiografia1992
Tutti i risultati (39 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 7

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8

  6. 10

    Porno cuore (libro, 2005)

    di