Pasto nudo, Il

11 settembre 2004

Un romanzo che probabilmente va letto con l'ausilio di qualche droga (possibilmente, più di una: se ne volete il catalogo, c'è, alle pp. 277-293) per essere in grado di apprezzarne la farragine d'immagini e frasi che si accavallano senza alcun filo conduttore (purtroppo per me, io lo posso leggere solo da sobrio...). L'autore stesso ammette: "Non pretendo di imporre né "storia" né "trama" né "continuità"... Fin tanto che riesco nella registrazione diretta di alcune aree del processo psichico posso avere una funzione limitata" (p. 242).

Pur con queste limitazioni, questo libro è stato un cult, anzi la bibbia di un'intera generazione di "scoppiati" (gay e non), probabilmente meglio attrezzati di me, se non proprio dal punto di vista culturale, almeno dal punto di vista chimico.

Non esiste una trama, solo un magma lavico d'immagini allucinate, ambientate nell'Interzona (trasfigurazione di Tangeri) che vertono per lo più sulla droga e su vari tipi assortiti di congiure cosmiche, con spruzzatine di fantascienza, ma anche, ossessivamente, sulla presenza di finocchi, checche e travestiti, per lo più ripugnanti.

Una lunga allucinazione ("La stanza dei giochi di Hassan", pp. 118-126) è una fantasia sadica che mescola sesso e impiccagione di ragazzi, un'altra, "Interzone" (pp. 201-223) descrive un lungo interrogatorio poliziesco che cerca di fare ammettere tendenze omosessuali al personaggio Carl, in bilico tra Kafka e Philip K. Dick.

Ma l'omosessualità e gli omosessuali (e i prostituti, indigeni e non) sono presenti praticamente in ogni pagina.

 

Nota a margine: "Andrew Keif", che appare nella sezione "Interzone" è un ritrattino al fulmicotone di Paul Bowles.

 

Si badi al fatto che il film di Cronenberg dallo stesso titolo è in realtà una biografia di Burroughs e non ha praticamente nulla in comune con questo libro, se non l'ambientazione nella stessa "Interzona" e qualche spunto e citazione qua e là.

Questa edizione ha anche, in appendice, un'intervista di Allen Ginsberg a Burroughs.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Pasto nudo, Il

titoloautorevotodata
Il pasto nudoMauro Giori
19/04/2005
Pasto nudo, Il - "Niente è vero. Tutto è permesso".Vari25/03/2006

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Paul Bowlesscrittore, musicistaGiovanni Dall'Orto1910 - 1999
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Roy (pseud.) KlangDick mastererotico2003
Kazuma KodakaKizuna 2shōnen'ai2001
Ralf KönigKonrad & Paulcomico1994
Tutti i risultati (23 fumetti) »
titoloautoredata
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
autoretitologenereanno
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Leatherfolksaggio1991
AA.VV.Peccati venialiracconti2004
AA.VV.Sesso nomadesaggio1992
AA.VV., Edward Bryant, Bruce McAllister, Connie WillisFantasexracconti1998
AA.VV., Samuel Delany, Philip José FarmerPremi Hugo 1955-1975, Iracconti1978
Dario BellezzaCarnefice, Ilromanzo1973
Dario BellezzaInnocenza, L'romanzo1970
Dario BellezzaLettere da Sodomaromanzo1977
Dario BellezzaStoria di Ninoracconti1982
Tutti i risultati (94 libri) »
titoloanno
Cucumber2015
London Spy2015
titoloartistaanno
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Point GGael, Gael Hausmann2010
RelaxHollie Johnson, Paul Rutherford1983
TeethRust Slovenec2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  3. 5

  4. 6

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  5. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 9