Pasto nudo, Il - "Niente è vero. Tutto è permesso".

25 marzo 2006

Recensione di William Bruno.


"Niente è vero. Tutto è permesso"

Pubblicato nel 1959, scritto sotto l'uso di droghe, alcool e l'incoraggiamento dei due amici Kerouac e Ginsberg (gli altri due pilastri della
beat-generation), questo libro è un lasciapassare per l'inferno a disposizione di tutti.

Scritto in buona parte con una tecnica anticipatoria del cut-up (estremizzazione del concetto di destrutturazione verbale, caratterizzato dal rimontaggio di un testo in modo apparentemente caotico e visionario fino a generare un effetto allucinatorio e a costringere il lettore a ricollegare in modo sensato frasi e parole, se non addirittura capitoli), affronta temi quali la morte, il cancro, la droga, la pena capitale, il controllo delle menti, senza che vi sia una trama: solo qualche personaggio-simbolo ricorrente (il crudele dottor Benway) che ci guida in un caleidoscopico mondo di orrore e violenza così estremo e ripugnante da risultare ad oggi insuperato.

La volontà politica di Burroughs di denunciare i soprusi del potere, della lobby medica, dei moralisti sessuali e i danni della droga (nonostante egli stesso ne avesse sperimentato di ogni tipo) lo spinse a scrivere un libro caustico e violento, in cui demolire visivamente l'apparenza falsa di un mondo incatenato e reso schiavo, di cui lui vuole mostrare tutto l'orrore.

Tra città ai confini del mondo reale (Annexia), dimensioni solo mentali (Interzona) e mostri che si nutrono di carne liquefatta, il lettore viene trascinato in una dimensione così allucinata e spaventosa che può sentire il rumore dei suoi schemi mentali mentre vengono frantumati da una scrittura frenetica, in cui spesso la punteggiatura è eliminata per lasciar sfogo ad un flusso ininterrotto di visioni annichilenti.

Processato per oscenità, questo libro divenne il punto di riferimento per buona parte di una generazione che rifiutava il concetto di sistema in ogni sua forma.

Il pasto nudo è l'istante raggelato in cui si osserva quello che rimane sulla forchetta. E Burroughs decise di usare le parole come tante forchette da piantare negli occhi e nel cervello dei lettori, per svegliarli od ucciderli, se non avessero sopportato questa febbrile descrizione della realtà.

Allen Ginsberg lo definì un romanzo sconfinato che avrebbe fatto perdere la testa a tutti, mentre Norman Mailer, durante il processo, lo definì "un semplice ritratto dell'inferno, è una visione di come l'umanità agirebbe se fosse completamente separata dall'eternità".
Un'umanità che non rivolge mai lo sguardo verso l'alto se non per esalare l'ultimo rantolo di una vita massacrata dalle macchine di tortura fisica e mentale che il sistema ha posto intorno a noi.


Cronenberg tentò l'impresa impossibile di trarre un film da questo magma letterario, mischiando elementi biografici della vita di Burroughs (l'ossessione per aver ucciso accidentalmente la moglie con un fucile da caccia, che ritorna in crudeli scene da cinico Guglielmo Tell, o il suo lavoro di disinfestatore) con personaggi e situazioni tratte dal libro, per raccontare la scrittura di Burroughs, in realtà un'estensione necessaria della sua vita, votata a descrivere campi inesplorati della psiche umana e a distruggere ogni tabù.
Le macchine da scrivere si trasformano in scarafaggi parlanti, in mostri stupratori od orride creature che al premere dei tasti secernono liquidi, da escrescenze tubiformi, gemendo di piacere.

Il confine tra la realtà della città di Tangeri e l'allucinazione di Annexia cade definitivamente, e alla fine non si distinguono più i piani inventati da quelli reali.

Il processo della creazione artistica come una sorta di droga organica che si nutre della nostra psiche fino a portarci alla follia.

"Non c'eravate per Il Principio.

Non ci sarete per La Fine.

La vostra conoscenza di quello che sta succedendo può essere soltanto superficiale e relativa".

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Pasto nudo, Il

titoloautorevotodata
Il pasto nudoMauro Giori
19/04/2005
Pasto nudo, IlGiovanni Dall'Orto11/09/2004

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Paul Bowlesscrittore, musicistaGiovanni Dall'Orto1910 - 1999
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Roy (pseud.) KlangDick mastererotico2003
Kazuma KodakaKizuna 2shōnen'ai2001
Ralf KönigKonrad & Paulcomico1994
Tutti i risultati (23 fumetti) »
titoloautoredata
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
autoretitologenereanno
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Leatherfolksaggio1991
AA.VV.Peccati venialiracconti2004
AA.VV.Sesso nomadesaggio1992
AA.VV., Edward Bryant, Bruce McAllister, Connie WillisFantasexracconti1998
AA.VV., Samuel Delany, Philip José FarmerPremi Hugo 1955-1975, Iracconti1978
Dario BellezzaCarnefice, Ilromanzo1973
Dario BellezzaInnocenza, L'romanzo1970
Dario BellezzaLettere da Sodomaromanzo1977
Dario BellezzaStoria di Ninoracconti1982
Tutti i risultati (97 libri) »
titoloanno
Cucumber2015
London Spy2015
titoloartistaanno
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Point GGael, Gael Hausmann2010
RelaxHollie Johnson, Paul Rutherford1983
TeethRust Slovenec2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Ludwig II (libro , 1987)

    di

  2. 3

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 5

  4. 6

    Sebastian (film , 2024)

    di

  5. 8

  6. 9

    Domino dancing (videoclip , 1988)

    di

  7. 10

    In memoriam (libro , 2023)

    di