Il nemico dell'uomo nuovo

25 ottobre 2013

Il lavoro storico di Benadusi è importante per più motivi: anzitutto, chiaramente, per il fatto stesso di aver affrontato un argomento, la repressione dell'omosessualità e la persecuzione degli omosessuali durante il fascismo, su cui la storiografia finora era stata silente o molto approssimativa; inoltre per la cura con cui mette in evidenza sia la continuità nell'opera repressiva tra il fascismo e lo Stato liberale pre-fascista, sia il punto di rottura apportato proprio dal fascismo con la sua volontà di creare un "uomo nuovo" virile, guerriero, sprezzante delle comodità borghesi e obbediente alle gerarchie; e per l'analisi dei metodi repressivi, il più comune dei quali non fu il confino di polizia, di cui pure centinaia di omosessuali italiani furono vittime (scelti però, per non dare troppo scandalo e per preservare l'immagine "virile e sana" dell'Italia, tra prostituti, travestiti e poveracci soprattutto con lo stigma del "passivo"), bensì il silenzio: di omosessualità non si doveva parlare, preferibilmente neanche dal punto di vista scientifico. Benadusi avanza l'ipotesi che la politica fascista, raramente brutale, ma egualmente feroce proprio in quanto diffusa e strisciante, abbia pesantemente condizionato la percezione dell'essere gay anche nei decenni del dopoguerra: certamente, incitando gl'italiani alla dissimulazione, all'atteggiarsi ad "insospettabili", al vivere perennemente in maschera anche in assenza di sanzioni penali che punissero i rapporti fra persone dello stesso sesso, essa consolidò vecchi pregiudizi sulla virilità e l'effeminatezza e cooperò a rafforzare quel sentimento di paura, vergogna e mancanza di stima di sé che fino ad anni molto recenti ha paralizzato gran parte degli omosessuali nel nostro paese.
Il saggio ha una breve prefazione di un illustre storico del fascismo, Emilio Gentile, la quale però, non che aggiungere qualcosa a un libro già in sé molto ricco, molto documentato e molto chiaro, si perde in piccole polemiche esegetiche piuttosto fuori luogo.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Nemico dell'uomo nuovo, Il

titoloautorevotodata
Il nemico dell'uomo nuovoFrancesco Gnerre
24/10/2005
Il "nemico gay" creato dai fascistiRosanna Fiocchetto11/09/2005

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
Fabio Sera, Porpora MarcascianoIn un corpo differentebiografico2012
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Silvio BertoldiUltimo re, L'. L'ultima reginabiografia1992
Tutti i risultati (41 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Sebastian (film , 2024)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  4. 6

    Day (libro , 2024)

    di

  5. 7

    In memoriam (libro , 2023)

    di

  6. 8

    Ludwig II (libro , 1987)

    di