Cruising

7 giugno 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

E' il film che vanta il record di proteste della comunità gay americana, che addirittura arrivò a bloccarne le riprese e a picchettare i cinema.

Le accuse erano probanti: nel film il mondo gay i rapporti sono consumati velocemente, senza un briciolo di umanità, tutti sono psicopatici ed è impossibile non rimanerne contagiati, se lo stesso Burns ne è attratto e alla fine - così si intuisce - uccide Ted, peraltro l'unico personaggio positivo del film.

Accuse giuste, tutto sommato: lo spettatore medio, seppure non arriva alla conclusione che tutti i gay sono assassini, ne rimane negativamente colpito.

Ma molta acqua è passata sotto i ponti e forse conviene rivedere il discorso più obiettivamente. Cruising (ossia "battere") è un film omofobo, ma non è un cattivo film, nonostante i suoi vistosi difetti, e comunque è da vedere.

Nel romanzo a cui si ispira, il poliziotto (lì John Lynch) è un agente che odia tutti gli "anormali" e che finisce per diventare un gay assassino. Il significato è perentorio: i gay non possono essere che violenti. Modificata rispetto al romanzo, nel film la vicenda appare poco credibile e fa acqua in più punti: il braccio rinvenuto poco ha a che fare con lo stile degli altri omicidi; Burns non ha nessuna prova attendibile contro il presunto assassino; e, se la sua gratuita pugnalata fa nascere dei sospetti ad Edelson per la morte di Ted (o anche le altre?), questi è stato ucciso differentemente.

Inoltre l'ambiguità di Burns (che sin dall'inizio dice a Nancy: "Ci sono tante cose che non sai di me") e i cambiamenti che avvengono in lui rimangono inespressi e fanno girare la storia a vuoto, anche se però scatenano le pulsioni e le tensioni del desiderio.

Ma è anche vero che il film, con l'ottimo Pacino, è girato con maestria. In particolare la fotografia è eccellente: ad una solare New York fa eco la cupezza delle scene del quartiere gay, che si qualifica come un inferno, uno spazio chiuso e quasi invalicabile.

Proprio nell'esplorazione dei locali ("Ramrod 731" e "Private Club 837") ci sono le scene più belle, in un'atmosfera madida di corpi e di suoni, dove tutto accade, dai popper al fist fucking, dalle frustate alle golden shower. E' inutile nascondersi: quei posti ci sono ed erano (sono) proprio così. Piuttosto, questo sì, il film avrebbe potuto mostrare come esistano anche altre filosofie di essere gay.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Cruising

titoloautorevotodata
Chi ha paura del lupo cattivo?Giovanbattista Brambilla21/08/2007

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Roy (pseud.) KlangDick mastererotico2003
Kazuma KodakaKizuna 2shōnen'ai2001
Ralf KönigKonrad & Paulcomico1994
Tutti i risultati (24 fumetti) »
titoloautoredata
Io ti amo...Io nemmeno - Intervista a Fabio Casagrande Napolin.Luca Locati Luciani06/11/2016
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
Un'utopia lunga 40 anni. Intervista a Felix CossoloLuca Locati Luciani18/06/2016
autoretitologenereanno
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Leatherfolksaggio1991
AA.VV., Edward Bryant, Bruce McAllister, Connie WillisFantasexracconti1998
AA.VV., Samuel Delany, Philip José FarmerPremi Hugo 1955-1975, Iracconti1978
AA.VV., John ShirleyMirrorshadesracconti1994
Dario BellezzaCarnefice, Ilromanzo1973
Dario BellezzaInnocenza, L'romanzo1970
Dario BellezzaLettere da Sodomaromanzo1977
Francis BertheletSolstice de ferromanzo1983
Gian Piero BonaPantaloni d'oro, Iromanzo1969
Tutti i risultati (54 libri) »
titoloanno
Cucumber2015
London Spy2015
titoloartistaanno
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Point GGael, Gael Hausmann2010
RelaxHollie Johnson, Paul Rutherford1983
TeethRust Slovenec2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 5

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 7

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  3. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di