La caduta degli dei

27 giugno 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

La caduta degli dei è un potente affresco della Germania all'avvento del nazismo, in cui la tragedia di una famiglia, divorata dalla sete di potere e dal sangue, simboleggia ed esemplifica la dissoluzione della società. La "caduta" è quindi lo sfacelo di una società che non distingue più il bene dal male. Il film quindi identifica nella trasgressione morale - sia essa pedofilia, omosessualità o incesto - il più vistoso decadimento dei valori, tipico di un momento di un disordine più vasto in atto. Non a caso il lucido Aschenbach è l'unico personaggio che, lontano da ogni tentazione sessuale, raggiunge senza mezzi termini il suo fine.

Nonostante pertanto un netto giudizio morale carichi di valenze negative le trasgressioni, sono però proprio queste i momenti forti del film, contrassegnato da un'atmosfera morbosa.

Martin (uno splendido Helmut Berger) è il simbolo di questa complessa ambiguità, in cui si rispecchia l'incertezza del periodo e in cui innocenza e perversione si fondono inestricabilmente. La sua sensualità vive su più livelli: aperto ad ogni forma di sesso, è attratto fisicamente dalla madre e nel frattempo ama rifugiarsi nell'innocenza delle bambine, senza per questo celare il proprio polimorfismo, come nella celeberrima scena in cui interpreta L'angelo azzurro nei panni di Marlene Dietrich.

Il momento più famoso, di un debordante omoerotismo, è però quello che riguarda la "notte dei lunghi coltelli". Spinti dall'euforia e dalla birra, gli atletici giovani si bagnano nudi nel lago Tegernsee e poi si scatenano nella festa, travestendosi da donne ed facendo sesso. Quando, all'alba, le SS arrivano per sterminarli, li troveranno esausti dopo la gigantesca orgia. Tra di essi Kostantin, i cui gusti sono chiariti sin dall'inizio, quando è lascivamente lavato nella vasca da bagno da un aitante giovanotto biondo.

Come è proprio del cinema di Visconti, la ricostruzione è accuratissima e notevole è la recitazione degli attori, tutti di eccellente bravura. Tra gli altri spicca il bellissimo Renaud Verley (il Telemaco dell'Odissea televisiva), il figlio di Kostantin che, forse unico fra tutti i personaggi, suona il violoncello e sembra legato ai valori dell' arte e dello spirito anziché alla produzione dell'acciaio.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Heinz DörmerignotaDavide Betti1912 - 2001
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Farley GrangerattoreVari1925 - 2011
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Luchino ViscontiregistaMauro Giori1906 - 1976
Tutti i risultati (11 biografie) »
autoretitologenereanno
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kokoro1943storico2011
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.50 anni di amorimiscellanea2001
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della società letteraria n. 9miscellanea1996
Gilbert AdairVera storia di Tadzio, Labiografia2002
Bert ArcherTramonto dei gay, Ilsaggio2006
Stefano Ardenti, Sara VedovaUomini e demonimiscellanea2002
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
Gad BeckDietro il vetro sottilebiografia2009
Tutti i risultati (60 libri) »
titoloautoredata
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 6

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  4. 7

  5. 10

    Porno cuore (libro, 2005)

    di