L'olocausto gay per la televisione

16 agosto 2013

Anche oggi che la memoria è degenerata in un’industria, è quanto mai raro vedere opere che di quell’industria osino intaccare un lustro basato su un’assurda diversità di pesi e di misure, distribuiti in base ai numeri anziché ai valori di un’umanità bisognosa di riscatto. Sappiamo bene tutti che degli olocausti “collaterali” quello gay è stato il più denigrato, perché l’umana idiozia che ha portato gli omosessuali nei campi di concentramento non ha avuto termine con la Liberazione, ma è continuata alimentando lunghe omertà, spesso anche tramite quelle stesse leggi che avevano giustificato l’internamento. Nel caso della Francia, la legge in questione fu abrogata solo nel 1981.

Un amour à taire, film prodotto per la televisione, è dunque un’iniziativa da salutare con apprezzamento, non solo per le opportune intenzioni didattiche (non nuove al regista e rese evidenti dal finale contemporaneo lievemente polemico), ma anche perché si tratta di uno dei pochi testi che da Bent a questa parte abbiano osato toccare l’argomento, arrischiandosi oltretutto a mettere in parallelo esplicitamente le sorti degli ebrei (tramite il personaggio di Sara) e quella degli omosessuali (rappresentati dalla coppia Jean/Philippe).

Peccato per le debolezze sul piano della recitazione (che ostacolano la resa dell’autenticità dei personaggi, specialmente di quello di Sara) e sul piano dell’intreccio, che nella prima parte procede per strappi sprovvisti della necessaria motivazione (risulta particolarmente scontato Jacques, il fratello Caino). Talvolta è come se i personaggi facessero quello che fanno non perché abbia senso o sia psicologicamente plausibile, ma solo perché è il modo più comodo per far procedere la storia precipitando la situazione. I momenti più drammatici finiscono così con l’essere attutiti da una patina di dubbia oleografia, come nel caso dell’interrogatorio della Gestapo e delle brevi sequenze nel campo di concentramento, che andavano altrimenti preparate (è evidente che il regista dà per scontato che lo spettatore sappia giù tutto sui lager e preferisce concentrarsi su quello che accade al di fuori di essi).

In compenso, il film prende la piega giusta nella seconda metà, avendo il coraggio di puntare al peggio e di perseguirlo senza concedere compromessi e senza d’altronde eccedere in patetismo, deludendo opportunamente le attese più melodrammatiche che lo spettatore poteva paventare (come ad esempio un confronto finale tra i due fratelli).

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Heinz DörmerignotaDavide Betti1912 - 2001
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Paul Gerhard VogelignotaDavide Betti1915
autoretitologenereanno
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kokoro1943storico2011
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della società letteraria n. 9miscellanea1996
Bert ArcherTramonto dei gay, Ilsaggio2006
Stefano Ardenti, Sara VedovaUomini e demonimiscellanea2002
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
Gad BeckDietro il vetro sottilebiografia2009
Hans BlüherWandervogelsaggio1994
Fabrizio BucciarelliNazi gaysaggio2009
Tutti i risultati (47 libri) »
titoloautoredata
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  3. 5

  4. 6

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  5. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 10