Pompe funebri

13 aprile 2013

Il fascino dei reietti della società e quello del maschio bello, sfrontato e dominatore s'intrecciano nella narrativa di Jean Genet in modo inestricabile. In Pompe funebri, una delle sue prime opere, tale unità si presenta nel modo più paradossale, in quanto, nell'evocazione del ragazzo amato, Jean D., giovanissimo partigiano ucciso nei giorni della liberazione di Parigi dall'esercito tedesco, nell'estate del 1944 (proiezione d'una persona veramente amata da Genet, Jean Decarnin), col ricordo e col lutto si fondono le fantasie erotiche più fiammeggianti, popolate proprio dai nemici del ragazzo morto, e soprattutto dal bellissimo Erik, carrista tedesco biondo e splendido nella sua uniforme d'un nero notturno, da un ladruncolo volontario nella Milice, Riton, tipica figura del voyou parigino duro e sfacciato, col ciuffo ribelle che esce dal basco azzurro messo di sghembo, e da Paulo, fratello delinquente del defunto. L'ardore omosessuale è ossessivo e pervasivo, e s'incarna anche in varie altre figure, talune appena accennate; come in un film surrealista, il montaggio delle immagini e dei ricordi è disordinato, pieno di scarti, perfino illogico e contraddittorio; la narrazione spesso all'improvviso scivola dalla terza alla prima persona; e una vicenda - il funerale della bimba della servetta - punteggia con tono acido e beffardo le vicende maggiori. Ma Genet non si ferma qui: un po' come Tarantino in Inglorious Basterds, mette in iscena perfino un Hitler tutto suo, che si fa sodomizzare proprio da Paulo, il delinquentello e gigolo parigino. Le pagine di lirismo erotico spesso infuocato e vertiginoso suonano molto incisive: certo, la concezione che ha Genet dell'omosessualità può essere unilaterale quanto si vuole; ma laddove questa si sfoga in una prosa poetica che è insieme aspra e ricca di sfumature e risonanze, rimane ancor oggi piena di fascino. Ritengo anzi che questo Genet, meno narrativo e più evocativo, sia anche quello più attuale.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Heinz DörmerignotaDavide Betti1912 - 2001
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Paul Gerhard VogelignotaDavide Betti1915
autoretitologenereanno
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kokoro1943storico2011
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.Gay rootsmiscellanea1991
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Littérature et homosexualitésaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della società letteraria n. 9miscellanea1996
Bert ArcherTramonto dei gay, Ilsaggio2006
Stefano Ardenti, Sara VedovaUomini e demonimiscellanea2002
Georges BatailleLetteratura e il male, Lasaggio2006
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
Tutti i risultati (61 libri) »
titoloautoredata
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 5

    Ludwig II (libro , 1987)

    di

  4. 6

  5. 7

    Altri libertini (libro , 1980)

    di

  6. 10

    Elegie, Le (libro , 1980)

    di