Il confino velato

Siamo a Catania, nella notte del 13 gennaio 1939. Filippo, un giovane sarto, è a casa, occupato a cucire, quando sente bussare alla porta.
La madre va ad aprire: sono due poliziotti. Chiedono di suo figlio, lo arrestano.
Inizia così la più ampia retata di omosessuali attuata dalle autorità fasciste.
E, cinquant'anni dopo, sarà proprio Filippo la "guida" di Gianfranco Goretti, uno studente laureando, nel lavoro di ricostruzione degli eventi e dell'ambiente di quell'epoca, ora pubblicato insieme a Tommaso Giartosio nel libro La città e l'isola - Omosessuali al confino nell'Italia fascista (Donzelli, Roma 2006).

L'intervento repressivo che investì e decimò gli "arrusi" catanesi, poi confinati nell'Isola di San Domino delle Tremiti, si inquadra in un più vasto programma di sistematica segregazione, intensificatasi soprattutto dopo le leggi razziali e "svolta nel massimo silenzio", al quale "contribuirono anche le vittime".
Un silenzio persistente, che con il trascorrere dei decenni è diventato quasi assordante. Infatti, negli anni Settanta, quando l'Archivio Centrale dello Stato aprì alla consultazione i fascicoli di migliaia di confinati, che vennero studiati per documentare l'opera
repressiva del regime, "si decise di lasciare i casi di confino politico per omosessualità nell'ombra discreta degli schedari".

Commentano Goretti e Giartosio:
"La necessità di tutelare gli interessati dimostrava che, se il fascismo era caduto, la discriminazione di cui esso era causa e sintomo godeva ancora di ottima salute".
I due autori, con la loro ricerca di archivio integrata da testimonianze dei protagonisti, restituiscono invece alla memoria civile la storia occultata di una Italia "stregata dal fascismo", di un contesto provinciale ipocrita e spietato che ha ferocemente perseguitato i suoi cittadini "fuori norma".

Di applicare a Catania questa norma ideologica
"rudemente e retoricamente ancorata ad una visione statica del maschile e del femminile"
viene incaricato il questore Alfonso Molina, l'inquisitore laico che con "una pervicacia quasi sadica" gestisce la crociata omofoba, accanendosi in una maniacale "mappatura" di "invertiti congeniti" e "pervertiti acquisiti", "pederasti attivi" e "passivi".
"E' stata un'infamia colpirmi così, proditoriamente, per darmi la morte morale",
protesta nei verbali Giambattista 'a Sdisicata, insegnante.
"Mi forzai di andare a donne ma non vi riuscii ed ero attratto dagli uomini",
confessa nel corso dell'interrogatorio Agatino 'a Placidina, 42 anni, domandando candidamente, ma anche con notevole buonsenso:
"Perché castigarmi? Forse scontata la pena posso guarire?".
Michele, impiegato trentenne, chiede di essere liberato dal sequestro citando il padre:
"Mi aspetta ogni giorno perché gli è stato detto che sono stato richiamato sotto le armi - per non ucciderlo con la verità".
Luigi, marmista, denuncia la solitudine dettata da un violento controllo sociale:
"In paese ci tenevamo lontani l'uno dall'altro per evitare delle mortificazioni".
Altri testimoniano stupri subiti dai cosiddetti "uomini normali".
Lo scultore Raimondo, dall'isola, lamenta che
"il cervello si ottunde e ogni senso artistico annega miseramente".
Leonardo 'a Francisa, ventunenne, scrive al ministero:
"E' da otto mesi che sospiro la libertà tutti i giorni, in tutte le ore, in tutti i momenti. E io quale delitto, quale male ho commesso? Di quale reato, di quale scandalo mi si può incolpare?
Confinato per cinque anni! Cinque lunghissimi anni! Mi viene d'impazzire al solo pensarci".
Nessuno ha raccolto le loro voci, che risuonano adesso nelle pagine di questo libro come un'eco lontana di una esclusione che ancora oggi, in regime formalmente democratico, qualcuno vorrebbe riproporre e imporre.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Città e l'isola, La

titoloautorevotodata
Omosessuali al confino nell’Italia fascistaVari30/09/2012
Puniti perché innocenti: Arrusi catanesi al confino nell’Italia fascistaPasquale Quaranta13/02/2008
Storia della colonia infameDaniele Cenci
01/11/2006
La città e l'isola. Un libro pieno di genteFabio Bazzoli
30/12/2011

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Lorenzo BenadusiNemico dell'uomo nuovo, Ilsaggio2005
Tutti i risultati (43 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 6

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8

  6. 10

    Isabella (fumetto, 1966)

    di