I confini dell'eros

2 gennaio 2006

I confini dell'eros ricostruisce

"la concezione ufficiale per la Venezia del Rinascimento di ciò che era sessualmente inaccettabile con tutte le sue contraddizioni interne e le sue complessità".

È il matrimonio, un contratto che permetteva l'acquisizione o la perdita di status, "il luogo principe della sessualità normale".

L'istituzione, che ha un valore meramente economico, era comunque debole, tanto che non riusciva ad imbrigliare in toto la sessualità.

Per questo, in soccorso al matrimonio accorrevano la morale, la tradizione e l'onore, che creavano una netta linea di demarcazione fra lecito e illecito.

L'illecito, relegato ai confini della sessualità, e rappresentato da adulterio, fornicazione, stupro e sodomia, mette in pericolo il matrimonio e per questo subisce il controllo della Giustizia.

Tale confine non è da considerarsi indelebile, ma è (e qui sta la complessità degli studi in sessualità) dinamico, tanto che ciò che era considerato reato sessuale per una classe non lo era per l'altra, oppure (ed il testo offre numerosi esempi in merito) l'età o il sesso dell'inquisito rendevano la pena per tali reati sensibilmente differente.


È nel sesto capitolo che l'autore indaga la condanna contro la sodomia (intesa come rapporto anale tra uomo e uomo, uomo e donna o uomo e animale) che emerge dalle fonti giudiziarie venete che richiamano sovente la distruzione biblica di Sodoma.

Venezia considera il reato una vera e propria minaccia che avrebbe potuto

"distruggere le organizzazioni su cui era fondata la società - la famiglia, l'unione tra uomini e donne e la procreazione - che costituivano il cuore della coscienza sociale. Sicuramente la fornicazione con monache offendeva Dio, ma la Sodomia disintegrava la società con o senza la sua ira"

e questo spiega la vera e propria

"paura di questo reato che traspare dalle fonti e la veemenza con cui era colpita e condannata".

La pena per i sodomiti era il rogo.


L'autore prende in considerazione numerosissimi processi per sodomia, come quello del 1348 a due servitori Pietro di Ferrara e Giacomello di Bologna che dividevano il letto, cosa non rara nella società di quel tempo.

Pietro sotto tortura dichiarò di aver avuto rapporti sessuali più volte con Giacomello e di aver eiaculato fra le cosce di lui ma senza penetrazione anale.

Giacomello, sempre sotto tortura, dichiarò di aver rifiutato molte volte le proposte dell'altro. La confessione di Pietro di relazioni innaturali e il suo presunto ruolo attivo gli costarono la vita. Fu bruciato vivo tra le colonne di giustizia al Palazzo Ducale.

Dalle fonti emerge un'attenzione dei giudici per la premeditazione del reato.

I "Signori di notte" (la magistraturea competente del reato, nel Trecento), infatti, spiegavano le azioni dei sodomiti con una frase che atto giudiziario dopo atto giudiziario si ripete:

"Istigato da spirito diabolico e rifiutando tutto l'Amor di Dio con volontà e premeditazione commise questi peccati contro natura".

Questo stile forense, dai toni retorici robusti, era un utile supporto alla gravità della pena.


La pena per i sodomiti, nel 1445, fu oggetto di un dibattito del Consiglio dei Dieci, durante il quale si valutò un modo per rendere l'esecuzione della condanne meno dolorosa, tenendo presente che comunque l'esecuzione doveva garantire la salvezza dell'anima del condannato.

Fu fatta presente la necessità di abbandonare, sull'esempio di quanto faceva la maggioranza degli altri stati italiani, la prassi di bruciare vivo il condannato, in modo che l'anima, a causa della disperazione provata dal condannato, non fosse destinata alla dannazione.

Le proposte portate nel dibattito (come, ad esempio, strangolare il condannato) non furono però accettate dal Consiglio. Venezia fu così tra gli ultimi stati italiani ad adottare la prassi di impiccare o strangolare i sodomiti prima di bruciarli.


L'autore postula una recrudescenza del controllo della sodomia nella Venezia rinascimentale a partire dal 1458, quando il Consiglio dei Dieci, che era nel frattempo succeduto ai "Signori di Notte" come organo di controllo della sodomia, introdusse una legge atta a contenere il reato

"tramite una sorveglianza più stretta ed un numero maggiore di pattuglie assegnate specificatamente a tale compito".

A p. 191 il testo accenna poi al caso della masturbazione reciproca fra un nobile ed un orefice. Anche la masturbazione era considerata una pratica contro natura, che però era trattata con una certa clemenza.


Il testo cita anche altri casi numerosi casi interessanti di sodomia eterosessuale o con animali.

L'autore fornisce, infine, numerose prove sull'esistenza di una sottocultura gay nella Venezia del Rinascimento.

Gli omosessuali veneziani condividevano alcuni luoghi di incontro precisi (barbieri, farmacie e scuole) che, se scoperti dalle autorità, venivano chiusi; e nel corteggiamento (simile a quello eterosessuale) i nobili godevano di un certo vantaggio.

Spesso, infine, i rapporti che sfociarono in un processo per sodomia e in una condanna al rogo erano nati dalla violenza.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Confini dell'eros, I

titoloautorevotodata
Confini dell'Eros, I. La sodomia a Venezia nei secoli XIV e XV.Giovanni Dall'Orto
03/01/2006

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Jacques d' Adelsward-FersenscrittoreVari1880 - 1923
Étienne-Benjamin DeschauffourssodomitaVari2690 - 1729
Leendert HasenboschsoldatoGiovanni Dall'Orto1695 - 1725
Frederick Rolfescrittore, pittoreVari1860 - 1913
Simeon SolomonpittoreVari1840 - 1905
Arthur SomersetnobileGiovanni Dall'Orto1851 - 1926
autoretitologenereanno
Paolo BacilieriDurasagra2006
Valerio Bindi, M.P. CinqueAcqua Stortanoir2010
Giorgio Cavedon, Leone FrolloLuciferaerotico1971
Roberto GalatiKill Killer n. 6noir2000
Shinobu Gotoh, Kazumi OhyaJune prideshōnen'ai2005
Alejandro Jodorowsky, Theo CaneschiIl papa terribilebiografico2014
Kazuma KodakaKizuna 2shōnen'ai2001
Kazuma KodakaKizuna 8shōnen'ai2004
Michele Medda, Luca Casalanguida, Michele Benevento, Lorenzo De FeliciLukas n° 10 - "Alias"orrore2014
Daniela Orrù, Daniela SerriLuna nel pozzo, Lashōnen'ai2002
Tutti i risultati (22 fumetti) »
autoretitologenereanno
AA. VV.Queering the Middle Agessaggio2001
AA.VV.Essai sur la pédérastie [1785]documenti2002
AA.VV.Long before Stonewallmiscellanea2007
AA.VV.Pelo vaso traseiromiscellanea2007
AA.VV.Personaggi stravaganti a Venezia tra '800 e '900miscellanea2010
AA.VV.Principesse azzurreracconti2003
AA.VV.Reclaiming Sodommiscellanea1994
AA.VV.Romanzi erotici del '700 franceseromanzo1995
AA.VV.Sodomy in early modern Europemiscellanea2002
AA.VV., Marina Formica, Alberto PostigliolaDiversità e minoranze nel Settecentomiscellanea2006
Tutti i risultati (203 libri) »
titoloartistaanno
Bubble2013
Let a boy cryGala Rizzatto1997
Moya podruga - Popa druga!2012
SognandoAlberto Campanari, Farhad Rahbarzadeh, Carmine Napolitano2003
Toi t'en rêves2007
What what (in the butt)Samwell2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Pasto nudo, Il (film , 1991)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  4. 7

    Vogue (videoclip , 1990)

    di

  5. 9

    Domino dancing (videoclip , 1988)

    di

  6. 10