La corsa di Billy. Correre via da qui

30 dicembre 2011

Questo libro famosissimo, l'avevo addirittura cercato in lingua originale più di 15 anni fa (ne avete sentito parlare tutti: è The front runner), e se l'avessi letto allora magari gli avrei dato più stelle. Letto oggi fa male. Tra l'altro, dopo averlo comperato l'ho lasciato sul comodino più di un anno: solita preveggenza della malavoglia.


La storia è quella di tre atleti gay cacciati da una università che trovano in un'altra - con un allenatore gay - la piena visibilità, la gloria e per almeno uno di loro la strada delle olimpiadi, addirittura come icona del movimento dei diritti civili.

Fa male, oggi, prendere atto di come questo intreccio, che nel 1974 poteva essere accolto come possibile, addirittura credibile, letto nel 2008 risulti del tutto in-credibile, vera utopia.

Una storia incamminata su un futuro parallelo di cui oggi possiamo misurare quanto divergente dal percorso che invece abbiamo tutti fatto, con il Papa che raccomanda il mantenimento della pena di morte agli omosessuali, ragazzi gay picchiati e insultati nel centro di Milano e di Roma (così che tutti capiscano l'opportunità di tornare nel silenzio, nascosti, vergognosi).


Poi di suo il libro è poco più di un romanzo rosa con passamanerie verdi.

Tutti i personaggi sono belli e atletici, pieni di buoni sentimenti e solo di quelli, eroi.

C'è talmente tanta buona volontà dappertutto che persino io sono riuscito qua e là a non commuovermi (poche volte, comunque).


Il libro voleva assolutamente essere una mozione di buoni sentimenti, creare un eroismo alternativo, carezzare dal verso giusto il lettore gay, e non lo considero un obbiettivo disprezzabile in sé, però mi fa incazzare vederlo allontanarsi nel tempo e nello spazio.

Così gli rimprovero anche le mie lacrimucce.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Corsa di Billy, La

titoloautorevotodata
La corsa di BillyMauro Giori
02/03/2017
La corsa di BillyVari
23/12/2012
La corsa di BillyFrancesco Gnerre
06/08/2007
La corsa di BillyDaniele Cenci
13/04/2007
La corsa di BillyMauro Fratta
27/07/2013

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AnonimoGol! Il centravantierotico1982
Kazuma KodakaKizuna 8shōnen'ai2004
Ellie MamaharaGokuraku cafèshōnen'ai2004
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 1)shōnen'ai2002
titoloautoredata
GSI: lo sport come impegno lgbtAlessandro Rizzo09/12/2009
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
autoretitologenereanno
AA.VV.Building Bodiessaggio1997
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
Nicolas BendiniFuoriclasse, Iromanzo2012
Nicolas BendiniSolo per una notteromanzo2009
Francesca Cavallaro, Manuela SalviNei panni di Zaffracconti2005
Alessandro GolinelliMio pride, Ilsaggio2005
Christian GuryHonneur ratatiné d'une athlète lesbienne en 1930, L'saggio1999
John Gustav-WrathallTake the young stranger by the handsaggio1998
LMPhotoproject, Manlio BrusatinColtello di Winckelmann, Il / Winckelmann's knifefotografia2008
Patricia Nell WarrenSfida di Harlan, Laromanzo2010
Tutti i risultati (15 libri) »
titoloautoredata
Vecchie glorieGiovanbattista Brambilla06/07/2007
titoloanno
Bolle di sapone1977
Kevin Hill2004
Sweat1996

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Pasto nudo, Il (film , 1991)

    di

  3. 5

  4. 6

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  5. 7

    Domino dancing (videoclip , 1988)

    di

  6. 10

    Vogue (videoclip , 1990)

    di