World Pride. Il vizietto del Vaticano. Una riflessione

3 aprile 2004, Manifesto, 05/02/2000

Ma perché il Vaticano si accanisce tanto contro i gay e le lesbiche? In effetti, una revisione in senso liberale degli anatemi di tradizione costringerebbe a introdurre qualche modifica organizzativa in seminari e conventi. Ma non sarà certo solo questo a spingere il papa e la curia romana a scagliarsi con foga sempre più ossessiva contro il peccato di Sodoma e Gomorra. Accanto alla forza di una condanna più che bimillenaria (compare già nel primo libro dell'Antico Testamento) si potrebbe forse individuare qualche convenienza politica più contingente. Per esempio, il tentativo di recuperare un po' di autorevolezza a buon mercato e di ricompattare un po' di "buoni cristiani" con l'aiuto di pregiudizi che la chiesa si è sempre fatta scrupolo di alimentare e conservare nella coscienza comune, in un momento in cui neppure i cattolici praticanti si danno più la pena di osservare le prescrizioni religiose quando si tratta di sesso etero. L'ossessività potrebbe poi indurre a sospettare addirittura particolari idiosincrasie soggettive nel gruppo dirigente dell'azienda chiesa, magari dovute a repressioni autoinflitte e malrisolte. Ma non è certo il caso di fare della psicanalisi grossolana e malfidata, perché è un'urgenza politica più evidente - e dichiarata dalla chiesa stessa - a imporre di proseguire con energie sempre maggiori la crociata contro gli omosessuali: l'evoluzione sociale che spinge gay e lesbiche a rivendicare diritti inauditi, come quello a una vita tranquilla secondo le proprie inclinazioni, e che rende acquiescente a queste rivendicazioni un numero sempre più consistente di stati nazionali, dentro e persino fuori da quello che un tempo si chiamava il mondo occidentale.
E' comunque probabile che parecchi esponenti della gerarchia cattolica, in questi giorni di clamori e titoloni sui giornali, rimpiangano i bei tempi, non poi troppo lontani, in cui di omosessualità non si parlava (quasi) mai. E anche quando toccava di farlo, almeno in pubblico, ci si serviva di deliziosi eufemismi, come vizio innominabile o peccato impuro contro l'ordine della natura.. Fa una certa impressione constatare, in una prospettiva storica, l'aumento esponenziale degli interventi omofobi ufficiali negli ultimi quindici anni rispetto ai venti secoli precedenti. E fa ancora più impressione verificare l'intensità dell'impegno diretto e personale del papa e delle persone che lo circondano. L'unico conforto per la coscienza laica è sapere che la quantità degli interventi rivela una certa debolezza e che la loro efficacia è inversamente proporzionale alla loro frequenza, anche se, guardando per esempio all'Italia, non si può certo dire che gli orientamenti del Vaticano non abbiano alcuna influenza sulle scelte di parlamento e governo.
Prima del pontificato di Giovanni Paolo II, negli ultimi cento anni, furono due le principali prese di posizione della chiesa cattolica in materia di omosessualità:
il Catechismo maggiore promulgato da Pio X nel 1905 e un documento della Congregazione per la dottrina della fede del 29 dicembre 1975, quando sul soglio di Pietro sedeva il chiacchieratissimo Paolo VI. Pio X ribadiva le condanne del passato in modo non troppo originale e poneva il "peccato impuro contro l'ordine della natura" tra quelli che gridano "vendetta al
cospetto di Dio", solo un pochino meno grave dell'omicidio volontario. Più complesso è il contenuto della Dichiarazione del 29 dicembre '75, che costituisce tuttora il nucleo dell'atteggiamento della chiesa. Introduceva infatti una fondamentale distinzione tra il peccato e il peccatore: definiva gli atti omosessuali "intrinsecamente disordinati", ma sosteneva anche che l'omosessuale può essere tale, in certi casi, "per una specie di istinto innato o di costituzione patologica" di cui non può essere considerato personalmente responsabile. All'attività pastorale veniva quindi attribuito il compito di accogliere con comprensione questi omosessuali "nella speranza di superare le loro difficoltà personali e il loro disadattamento sociale" e di "giudicare con prudenza la loro colpevolezza".
La prima uscita pubblica di Giovanni Paolo II risale all'ottobre 1979, durante un viaggio negli Usa. In questa occasione si limitò a ribadire che l'omosessualità è "moralmente disordinata". Decisamente più prolisso appare un nuovo documento della Congregazione per la dottrina della fede, guidata dal cardinale Joseph Ratzinger, dell'ottobre '86, giustificato dalla necessità di stroncare qualunque interpretazione in senso liberale della Dichiarazione di 11 anni prima. Gli atti omosessuali, sempre intrinsecamente disordinati, "non possono essere approvati in nessun caso", puntualizzava Ratzinger, invitando il clero a "ritirare ogni appoggio" ai gruppi di gay credenti che chiedevano un atteggiamento più aperto. Nel '92 un ulteriore arretramento, sempre a firma di Ratzinger: in una raccomandazione ai vescovi americani, il cardinale condannava le campagne per introdurre leggi a favore degli omosessuali.
Anzi, dichiarava la propria simpatia verso alcune discriminazioni attive "talvolta non soltanto lecite ma anche obbligatorie", come l'esclusione di gay e lesbiche dall'insegnamento e dal servizio militare. Ancora nel '92, il nuovo Catechismo della chiesa cattolica tornava sull'argomento per meglio specificare che, pur in presenza di tendenze innate, le persone omosessuali "sono chiamate alla castità". Il Papa, non pago, ribadiva la condanna nell'enciclica Veritatis Splendor del'93.
Ma il vero exploit oratorio si registra l'anno dopo. Giovanni Paolo II, questa volta, fa proprio sul serio: il 20 febbraio, pochi giorni dopo una celebre risoluzione del parlamento europeo sui diritti di gay e lesbiche, tuona a lungo dal balcone di piazza San Pietro contro l'ex vizio innominabile e le istituzioni
pubbliche che lo incoraggiano. E di nuovo il 19 giugno, stessa ora stesso luogo, avverte che l'apertura alle coppie gay è "un pericolo per l'intera umanità".
Non cambierà opinione nemmeno in successivi interventi, come quello del 9 luglio '98 e del 21 gennaio '99. Di pari passo con la frequenza delle scomuniche papali crescono poi le pubbliche condanne da parte di prelati maggiori e minori e di organismi come il Pontificio consiglio per la famiglia.
L'omosessualità sale anche nella hit parade delle questioni affrontate dalla pubblicistica cattolica, basti ricordare l'inesausta campagna omofoba dell'Avvenire e una poderosa "inchiesta" in quattordici puntate uscita sull'Osservatore Romano tra il primo marzo e il 23 aprile '97. E chi si permette di mostrare troppa comprensione verso i gay, come il direttore di Famiglia Cristiana don Leonardo Zega, viene sollevato dall'incarico.
Recentissima, infine, è la polemica del Vaticano contro la celebrazione mondiale dell'orgoglio omosessuale in programma a Roma per il prossimo luglio, in pieno Giubileo. Persino a un sindaco rispettoso dell'autorità ecclesiastica come Francesco Rutelli tocca di fare la parte dell'apostata,difendendo il diritto di gay, lesbiche e transessuali a manifestare liberamente.
C'è stato qualche cattolicissimo esponente dell'opposizione che si è scagliato contro lo stanziamento di 350 milioni per l'iniziativa degli omosessuali da parte del comune di Roma, soldi che sarebbero potuti andare ai più bisognosi.
Chissà perché, per i più bisognosi, non si può defalcare qualcosa dalle cifre a dodici zeri stanziate dallo stato italiano per il Giubileo. Quando si dice la pagliuzza e la trave...
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Hendrik AndersenscultoreVari1872 - 1940
Vinicio DiamantiattoreVari1926 - 2009
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
William Bondi, Valerio RontiniAno santo, L'erotico2000
Davide La Rosa, Vanessa CardinaliZombie gay in Vaticanocomico2011
Sabas MartínDentroerotico2010
Antonio MontanaroEphebuserotico2011
Alessio SpataroPapa Nazinghercomico2008
Gengoroh TagameVirtusmanga2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
titoloautoredata
Cancellare le distanze
Intervista ad Antonio Veneziani su "Cronista della solitudine"
Vari03/01/2013
Lezioni d'amore
Intervista a Sandro Campani e Daniele Coppi
Massimo Basili13/10/2012
Nata due volte
Intervista a Giò Stajano
Gabriele Strazio22/10/2008
Roma com'era
Intervista a Vinicio Diamanti
Andrea Pini18/01/2008
autoretitologenereanno
AA.VV.100 libri da salvarebibliografia1996
AA.VV.Among womenmiscellanea2002
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.Bloody Europe!racconti2004
AA.VV.Cronisti raccontano la cronaca, Idocumenti2007
AA.VV.Guida agli archivi lesbiciguida1991
AA.VV.Secolo gay, Ilmiscellanea2006
AA.VV.Transessualismo, Ilmiscellanea1997
AA.VV.Vita e cultura gaydocumenti2007
AA.VV., Marina Formica, Alberto PostigliolaDiversità e minoranze nel Settecentomiscellanea2006
Tutti i risultati (162 libri) »
titoloautoredata
Giuseppe Beccarelli eretico e sodomitaStefano Bolognini13/09/2005
L’omosessualità in Italia tra cattolicesimo e rivoluzione del costume. Una valutazione politicaFranco Grillini29/03/2004
World Pride Roma 2000
Una brevissima storia di un trionfo.
Giovanni Dall'Orto11/04/2012