Nel nome della razza. Fascismo, razzismo e omosessuali

17 marzo 2005, "Babilonia", marzo 2000

Quando in Italia si parla di razzismo ritorna insistente il luogo comune, avallato da storici autorevoli, degli "italiani brava gente", di un popolo che, unico nel contesto occidentale, sembrerebbe essere stato immune dalla piaga del razzismo: così il colonialismo italiano diventa quasi un'impresa umanitaria, le leggi razziali solo un fenomeno di opportunismo e di mimesi subalterna e, per quanto riguarda l'omosessualità, l'Italia non è stata il paradiso di tanti estimatori dell'"amore greco"?

Questo libro, che raccoglie 34 saggi di studiosi di varie discipline, smantella questo luogo comune autoassolutorio e documenta la nascita e il consolidamento in Italia di tutta una serie di dispositivi ideologici funzionali alla legittimazione di pratiche discriminatorie di tipo razzistico nei confronti di "nemici" interni ed esterni, e di categorie di persone da confinare in una situazione di subalternità.

Impossibile qui entrare nello specifico dei singoli saggi che spaziano dal razzismo coloniale all'antisemitismo della Chiesa, che analizzano fonti scientifiche e storiche, scritti di medicina, di letteratura, di propaganda.

Due interventi riguardano il razzismo antiomosessuale.

Il primo, di Dario Petrosino, analizza la rappresentazione dell'omosessuale nella rivista di Leo Longanesi "L'Italiano", che negli anni 1926-1929 portò avanti, in nome dell'"italianità", una campagna denigratoria contro la "modernità" della cultura europea, fatta di "ermafroditi e pederasti", rafforzando i pregiudizi già esistenti e creandone di nuovi, "più adatti alle esigenze del tempo".

L'altro saggio è di Giovanni Dall'Orto che fa un'analisi attenta e puntuale del "paradosso del razzismo fascista verso l'omosessualità": dal 1936 al 1939 sull'onda delle leggi razziali gli omosessuali vennero perseguiti come "nemici della razza", quindi riconosciuti come gruppo sociale, ma questa repressione rischiava di essere meno efficace di quella tutta italiana e ben collaudata del silenzio, della negazione di qualsiasi spazio di visibilità, fosse pure deviante.

E infatti il fascismo tornò presto alla pratica consueta e gli omosessuali tornarono ad essere "delinquenti comuni".

La presenza nel volume di questi due saggi è rilevante: finalmente anche l'Università e le Istituzioni, che hanno promosso questa pubblicazione, sempre refrattarie e in ritardo su questo tema, cominciano ad accorgersi forse che il pregiudizio antiomosessuale è tra i più radicati anche perché legittimato spesso dal loro silenzio e che per capire e combattere il razzismo, è necessaria una riflessione critica comune su tutti i suoi aspetti.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Heinz DörmerignotaDavide Betti1912 - 2001
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Paul Gerhard VogelignotaDavide Betti1915
autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kokoro1943storico2011
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
Fabio Sera, Porpora MarcascianoIn un corpo differentebiografico2012
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della società letteraria n. 9miscellanea1996
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Bert ArcherTramonto dei gay, Ilsaggio2006
Stefano Ardenti, Sara VedovaUomini e demonimiscellanea2002
Tutti i risultati (78 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 7

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di