Olimpia (I parte) & Apoteosi di Olimpia (II parte)

12 luglio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Il film è un documentario sui giochi olimpici di Berlino del 1936, desiderati ardentemente da Hitler per dichiarare al mondo intero la superiorità della razza ariana, dei valori del nazismo e del pangermanesimo. Anche se poi lo stesso Hitler e soprattutto Goebbels, ministro della propaganda, ebbero da ridire per il troppo spazio offerto a Jesse Owens, indiscusso protagonista delle Olimpiadi, ma vero smacco per il nazismo in quanto atleta di colore.

Per girarlo la Riefenstahl ebbe a disposizione dei mezzi decisamente straordinari, grazie ai quali ebbe un numero enorme di operatori e arrivò a fare riprese da dirigibili o in camere stagne dentro le piscine. Ne risultò un materiale per più di 300 ore ed un laboriosissimo montaggio che richiese più di 18 mesi.

Osteggiato tuttora da molti per il suo passato, in realtà il film è così bello e cinematograficamente valido che riesce ad annullare ogni riserva sulla sua origine e sul suo scopo primario. D'altra parte non ci sono forzate adesioni politiche, ma un tributo sincero ad un estetismo raffinato, a volte un po' esasperato. La Riefenstahl era certamente una sincera entusiasta del senso delle Olimpiadi e del significato dello sport, visto soprattutto come mezzo per formare armoniosamente il corpo umano. Lungi dall'essere una cronaca dell'evento, Olimpia tende in particolare ad esaltarne spettacolarmente i momenti più significativi ed è soprattutto un mezzo per esibire e definire degli ideali estetici precisi. Quegli stessi ideali che la regista ha cercato anche negli anni a seguire, fotografando gli africani Niuba: negli uomini la forza e la competività, nelle donne il fascino e la grazia. Perciò, più che soffermarsi sulle tensioni, ama concentrarsi sul discorso estetico.

Ovviamente nel film non c'è niente che riguardi specificatamente l'omosessualità. E ciò nonostante il film trasuda di un forte omoerotismo e non può non entusiasmare un pubblico gay, perché nel cinema non si è mai visto un tale tributo alla bellezza del corpo umano, maschile soprattutto, ma anche femminile, visto in una sintesi possente di armonia, bellezza e forza. D'altra parte, il nazismo, che pure condannò l'omosessualità, di fatto la praticò moltissimo e la esaltò nella sua arte ufficiale, come la scultura di Arno Breker, a cui tante inquadrature del film rimandano.


La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Heinz DörmerignotaDavide Betti1912 - 2001
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Heinrich Hoesslimodista, militante, saggistaGiovanni Dall'Orto1784 - 1864
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Paul Gerhard VogelignotaDavide Betti1915
autoretitologenereanno
AnonimoGol! Il centravantierotico1982
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kazuma KodakaKizuna 8shōnen'ai2004
Kokoro1943storico2011
Ellie MamaharaGokuraku cafèshōnen'ai2004
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 1)shōnen'ai2002
titoloautoredata
GSI: lo sport come impegno lgbtAlessandro Rizzo09/12/2009
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
autoretitologenereanno
AA.VV.100 libri da salvarebibliografia1996
AA.VV.Among womenmiscellanea2002
AA.VV.Amore e la sessualità, L'miscellanea1987
AA.VV.Building Bodiessaggio1997
AA.VV.Essai sur la pédérastie [1785]documenti2002
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV.Paidikàpoesia2005
Tutti i risultati (120 libri) »
titoloautoredata
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005
Vecchie glorieGiovanbattista Brambilla06/07/2007
titoloanno
Bolle di sapone1977
Kevin Hill2004
Sweat1996

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 10

    Il papa terribile (fumetto , 2014)

    di