Il ballo delle checche

9 agosto 2005

Questo romanzo goduriosamente delirante, scritto nel 1977, è una delle opere più conosciute di Copi, disegnatore di fumetti e drammaturgo oltreché prosatore.


L'autore presta nome e professione al protagonista del romanzo, che rievoca la difficile relazione con Pierre, un giovane romano bellissimo e "idiota niente male", rozzo (tanto che Copi perde tutti i suoi amici, perché nessuno lo sopporta) e insignificante (tanto che nessuno degli amici di Copi se lo ricorda dopo morto). E per di più è frigido, minidotato e si lascia toccare sempre più raramente.

Ma Copi ne è innamorato perso e ne sopporta tutte le manie, da quella di diventar donna a suon di ormoni fino al trip mistico-orientale prima, cattolico poi. E ne sopporta anche le infedeltà. Pierre infatti si innamora di una perfida attricetta fallita che vive imitando Marilyn (lui non sa nemmeno chi sia Marilyn: suo padre è morto in un incendio a Cinecittà, sua madre in un incendio in un cinema, quindi lui del cinema non ne ha mai voluto sapere nulla). Anche se Marilyn "sembra un vecchio culatone", si sposano pure, a New York, per lavorare lui in un locale di checche portoricane, lei in uno di lesbiche giapponesi. Ma Pierre poi torna da Copi, per lasciarlo ancora, per tornare ancora.


Anche Copi finisce con lo sposare Marilyn, che ha pure una madre veggente la quale, siccome il marito fa il panettiere, invece di intrugli e pupazzetti per cambiare il destino rifila croissant alla mandragola e, se non bastano, apotropaiche farcite di mele, a seconda di cosa le suggerisce la sua sfera di cristallo a pile.


Lo stile molto personale di Copi, fatto di periodi brevissimi e lapidari, rende la sua satira ancora più pungente, quando non perfida, e la sua caricatura più paradossale. Il tono infatti appare immutabile e sempre distaccato, e non cambia di un millimetro quando descrive banalità quotidiane e quando disegna gli scenari più deliranti e sovraccarichi, drammi paradossali privati di qualsiasi compassione e descritti con travolgente serietà, in un crescendo rossiniano di deliri fantasiosi dai rintocchi macabri, come quando Copi deve lottare contro il serpente di Marilyn (capace pure di consegnare la posta), o quando uno squalo divora i tre ragazzini figli di hippy che Copi stava allevando, o ancora quando Copi cede al ricatto di una checca masochista e la fa a pezzi (letteralmente, con tanto di criceti al forno). E che dire dell'ombelico di Pierre, tanto profondo da essere penetrabile, sia "tradizionalmente" che tramite fist fucking?


Il numero dei morti cresce di pagina in pagina e non importa che a un certo punto si risalga dalle profondità dell'incubo, disegnato con quintali di humour nero, fino a riveder le stelle, come nel maggio parigino dopo la strage delle checche lessate in sauna. Perché si risale non per rinnegare o sconfessare il delirio (l'idea più scioccante è infatti riservata per il finale), ma solo per risprofondare in un nuovo scenario surreale, ad esempio con l'ultima crisi mistica di Pierre, che dopo esorcismi e stigmate ora vuole cambiare sesso per farsi carmelitana e ha mezzo Vaticano dalla sua, a partire da un manipolo di suore invasate, sicché Copi si ritrova piantonato in casa dalle guardie svizzere.


L'(auto)ironia di Copi sa essere crudele anche con poco: per demolire l'imitazione della Garbo fatta dalla fu Marilyn, gli basta sottolineare che parla "con l'accento di Maurice Chevalier" (davanti una tazza di cocaina che sniffa a cucchiaiate).


Ma le idee pungenti non si contano, come la folgorazione del masochismo militante:

Ecco la mia proposta: in questo romanzo sarò un masochista. Diciamo che l'ho scoperto nel 1965, quando ho incominciato a vivere pubblicamente da omosessuale dopo averlo fatto di nascosto per parecchio tempo. Il masochismo mi si rivelò come un'omosessualità in più o di riserva. Fino ad allora avevo vissuto l'omosessualità come un vizio, una volta resa pubblica diventava quasi una virtù, mi rifugiai nel masochismo.

Un romanzo brillante, divertente e disintossicante.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Hendrik AndersenscultoreVari1872 - 1940
Copi (Raul Damonte Taborda)disegnatore di fumetti, scrittore, drammaturgoMassimo Consoli1939 - 1987
Vinicio DiamantiattoreVari1926 - 2009
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Jorgensen ChristinecantanteVari1926 - 1989
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
Mike Barr, Brian BollandCamelot 3000fantascienza1999
José-Louis Bocquet, CatelKiki de Montparnassebiografico2008
William Bondi, Valerio RontiniAno santo, L'erotico2000
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Tutti i risultati (33 fumetti) »
titoloautoredata
Cancellare le distanze
Intervista ad Antonio Veneziani su "Cronista della solitudine"
Vari03/01/2013
Gruppo di famiglia in un esterno
AUT incontra Stefano Bolognini in occasione dell’uscita del suo libro Una famiglia normale (Edizioni Sonda, € 11)
Daniele Cenci05/11/2008
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
Lezioni d'amore
Intervista a Sandro Campani e Daniele Coppi
Massimo Basili13/10/2012
Nata due volte
Intervista a Giò Stajano
Gabriele Strazio22/10/2008
Roma com'era
Intervista a Vinicio Diamanti
Andrea Pini18/01/2008
Una produzione dal basso: “Il lupo coi calzoncini corti”Alessandro Rizzo12/07/2009
autoretitologenereanno
AA.VV.100 libri da salvarebibliografia1996
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Among womenmiscellanea2002
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.Bloody Europe!racconti2004
AA.VV.Cronisti raccontano la cronaca, Idocumenti2007
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
AA.VV.Guida agli archivi lesbiciguida1991
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Homosexuality in Modern Francemiscellanea1996
Tutti i risultati (286 libri) »
titoloautoredata
Il matrimonio del fabbro
La sottocultura dei sodomiti nella Parigi del Settecento
Michel Rey31/08/2004
World Pride Roma 2000
Una brevissima storia di un trionfo.
Giovanni Dall'Orto11/04/2012
World Pride. Il vizietto del Vaticano. Una riflessioneGianni Rossi Barilli03/04/2004
titoloartistaanno
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Far away (Jesus is gay)Niklas von Wolff, Gael Hausmann2007
Point GGael, Gael Hausmann2010
RelaxHollie Johnson, Paul Rutherford1983
TeethRust Slovenec2008
You do something to meSinead O'Connor1991

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10