V per Vendetta

10 giugno 2006, Pride n° 83 maggio 2006

In occasione dell’uscita nelle sale dell’omonimo film prodotto dai fratelli Wachowski, Magic Press manda nelle fumetterie, in libreria di varia e nelle edicole ben cinque versioni diverse del capolavoro a fumetti di Alan Moore e David Lloyd, da quella più economica e in bianco e nero, della quale parliamo qui, a quella “definitiva” e in grande formato disponibile nelle fumetterie a 25 euro.

Pubblicato su rivista in Gran Bretagna a partire dal 1982 ma terminato, dopo alterne vicende, solo nel 1988 negli Stati Uniti, V for Vendetta mescola gli scenari della fantascienza più pessimistica (Orwell, Bradbury, Dick) alle storie classiche dei vendicatori fuorilegge, come Robin Hood o Zorro, fino ad arrivare al Fantasma dell’Opera e al Batman più oscuro e cupo. Ma cogliere tutte le fonti di ispirazione di Moore è pretestuoso, se non impossibile, essendo la sua scrittura incarnazione perfetta del postmodernismo anni ottanta più autentico e felice, perciò eclettico, citazionistico, ironico.

Nel 1997 Londra è la capitale di una feroce dittatura fascistoide, insediatasi con libere elezioni in seguito al caos esploso dopo una devastante guerra atomica che ha solo sfiorato l’ex Regno Unito.

“Misero presto le cose sotto controllo. Ma poi cominciarono a portar via la gente… tutti i neri e i pachistani… Anche i bianchi. Tutti i radicali e gli uomini a cui, insomma, a cui piacevano gli altri uomini. Gli omosessuali. Non so cosa fecero di tutti loro.”

Entra in scena V, misterioso sovversivo mascherato con le fattezze del fanatico cattolico Guy Fawkes, che nel 1605 tentò di far saltare in aria il parlamento. Il suo epigono del futuro annuncia la sua delirante missione facendolo saltare per davvero, il parlamento: da quel momento il nostro comincia ad uccidere tutte le persone che in passato hanno deciso la sua prigionia e le sue torture, ma anche ad incitare il popolo a ribellarsi al totalitarismo e a riconquistare la libertà perduta, affiancato in questo dalla sedicenne Evey, salvata dalla cattura della polizia.

Nonostante non ci siano personaggi gay di rilievo (al contrario del film, dove invece hanno ampliato una figura che nel fumetto fa una breve apparizione, impersonata da Stephen “Oscar Wilde” Fry) segnalo comunque la sequenza nella quale Valerie, attrice lesbica incarcerata dal governo, racconta a Evey la sua tragica storia affidandola a piccoli quadrati di carta igienica, scritti di nascosto e passati da una fessura dei muri della cella: “Iniziarono a fare retate di gay, presero Ruth mentre era in cerca di cibo. Perché hanno tanta paura di noi? La bruciarono con le sigarette e la costrinsero a fare il mio nome. Lei firmò una dichiarazione in cui diceva che l’avevo sedotta.”

La scrittura sontuosa e complessa di Moore costruisce uno scenario futuro disperato, più vero del vero, sostenuto dal magnifico, iperrealista e violento disegno al tratto di Lloyd. Insieme danno vita e spessore a personaggi che rimangono nel cuore e nella testa come monito a tutti i regimi della storia. Imprescindibile.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per V per Vendetta

titoloautorevotodata
V per vendetta. L'anarchia transgender di Alan Moore
Fumetti, Politica, Visioni tra Bradbury e Pynchon
Nadia Agustoni
22/04/2006

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Heinz DörmerignotaDavide Betti1912 - 2001
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Paul Gerhard VogelignotaDavide Betti1915
autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kokoro1943storico2011
Malcolm McLarne, Alan Moore, Antony Johnston, Facundo PercioFashion Beastfantascienza2016
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della società letteraria n. 9miscellanea1996
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Bert ArcherTramonto dei gay, Ilsaggio2006
Tutti i risultati (79 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di